Compagnia SMTM – Mòtumus

Nuda

prosa 

tratto dai testi di Stefano Benni

regia di Maurizio Ciccolella

Nuda è l’ultimo spettacolo del gruppo Mòtumus con la regia di Maurizio Ciccolella. Nasce dall’idea di raccontare la donna in modo non edulcorato e retorico, di divertirsi con ironia senza tema di essere “scorretti politicamente” e lo fa incontrando i testi del celebre Stefano Benni.

Lo spettacolo si snoda attraverso la storia di alcune donne che creano, ciascuna nella propria follia, un piccolo capolavoro di verità, cui lo spettatore assiste catturato come in un giro di giostra, mossa in un climax di comicità.
Le storie provengono da “Le Beatrici” (Ed. Feltrinelli) e dal monologo “La moglie dell’eroe”, che lo stesso Benni ha concesso in uso per lo spettacolo.

Si avvicendano sul palco la suora, la donna delusa e forse pericolosa, la sfacciata al limite della blasfemia, la donna sdoppiata, quella astuta e spietata, la giovane esagitata, la donna angelicata che svela una natura imprevedibile.

Sei monologhi attraverso farfugliamenti, attacchi, cannibalismi, spasmi passionali, seduzioni, crudeltà, deliri, sentenze. Finalmente una donna antieroica e paradossale con la quale ridere, riflettere e fare sarcasmo sociale e politico.

Con Nuda si dà vita al “dark-side di questi personaggi, rompendo i cliché nei quali ognuno di noi inciampa relazionandosi con l’universo femminile” (Gisella Szaniszlò del Collettivo Beatrici)
Il lavoro registico tende a restituire, attraverso uno sguardo irriverente e a volte caustico, un’immagine del femminile spoglia della molta retorica cui oggi la donna è assoggettata, come unico vero baluardo della parità tra i sessi.

In scena Sara Ercolani e Flavia Muri